Oggetto: Newsletter n.12/2017 e 1/2018

Visualizza questa e-mail online se non viene mostrata correttamente.
Attività della Associazione.
XIII Congresso ANSSAIF.
Il 2017 si è chiuso con il XIII Congresso dei soci tenutosi a Roma presso il Forum Hotel. Quest’anno l’incontro (pomposamente chiamato “Congresso”)  è stato riservato esclusivamente ai soci ed ai membri del Comitato Scientifico.
La mattina è stata dedicata alle seguenti relazioni:
  • I progetti ANSSAIF in corso:
    • il concorso a premi per i migliori lavori sulla sicurezza con l’IC Don Milani di Latina (il premio è finanziato dalla ABC Onlus di Augusto Balossino);
    • le competenze digitali ed i cittadini;
    • l’alternanza scuola – lavoro;
    • l’Osservatorio Terrorismo.
      • Hanno relazionato i membri dei team:  Marco Recchia. Mauro Mariani. Salvatore Fratejacci. Carla Trabuio. Pierluigi Martusciello. Riccardo Barracchia. Pietro Blengino. Leonardo Procopio.
  • La minaccia cibernetica: come si è giunti ad oggi, e le prospettive in ambito italiano ed europeo. Corrado Giustozzi.
  • Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR): Introduzione alle novità e approccio metodologico. Gianvincenzo Fedele, Prometeo.
  • La Direttiva PSD2 e la sicurezza dei pagamenti elettronici. Ravenio Parrini, Banca d’Italia.
  • Il potenziale del momento presente fra rischi ed opportunità. Susanna Sardilli.
  • PMI: esigenze per una maggiore protezione dai nuovi rischi. Vito Milio.
  • Incident Management & Resilience against current threats like terrorism. Leonardo Procopio.
  • Siamo alla X edizione del Master in Homeland Security: quali “lesson learned” ad oggi? Roberto Setola.
 
E’ stata una mattinata intensa, sia per i tanti temi importanti trattati, sia per la competenza dei relatori.  Tutte le relazioni hanno suscitato molto interesse ed avrebbero richiesto più tempo, onde dare più spazio alle domande.
Il presidente ha sottolineato che quest’anno si è verificata  una maggiore partecipazione dei soci alle diverse iniziative avviate dalla associazione, e, in particolare, in quelle indirizzate ai giovani. Ciò fa ben sperare per l’anno a venire in un maggiore coinvolgimento.
Ha tratto le conclusioni dei lavori, con la sua ben nota maestria, l’amico Luigi Di Marco. Il presidente gli ha donato, a nome dei soci, una copia del libro “I proverbi toscani” (ben 7500 proverbi!), un bellissimo recente lavoro del socio Giancarlo Vannuccini.
Dopo il pranzo con vista sui Fori romani, il dott. Sergio Guarino ha illustrato il Campidoglio ai soci e relativi partner.
 
Visita culturale a Firenze.
Su idea di Luigi Di Marco, che si è proposto quale guida di eccezione per tutta la giornata, il 13 gennaio i soci si sono incontrati a Firenze per vedere la mostra sul Cinquecento in Toscana presso palazzo Strozzi. A seguire, pranzo con vista sul Ponte Vecchio e l’Arno, e successiva passeggiata al Duomo.
E’ stato un momento importante di conoscenza fra i soci e le/i rispettivi partner.
Un particolare ringraziamento va a Luigi Di Marco, da parte di tutti i soci.
Chi non dovesse conoscere il dott. Di Marco, segnaliamo che, oltre ad essere stato manager in diverse imprese attive in più paesi europei, e ad essere attualmente presidente di Federmanagement, è autore dei testi: “La compagnia dei magi, per la formazione degli strateghi d’impresa”, e di “I sogni nella bibbia, Rileggere le Sacre Scritture in chiave manageriale”. E’ un fiorentino “DOC”.
 
 
Interventi soci ANSSAIF
L'Ing. Mauro Mariani è stato invitato presso la Corte d'Assise di Viterbo per intervenire il 20 febbraio all'interno di una proposta formativa rivolta agli avvocati per l'acquisizione dei crediti formativi; il tema del convegno verterà sul diritto d'autore e sulle modalità di protezione dei dati; l'invito è pervenuto da parte del Centro Studi Criminologici di Viterbo e l'Ing. Mariani interverrà a nome dell'associazione ANSSAIF.
Ricordiamo che i soci Mariani e Fratejacci avevano presentato una relazione al carcere di Viterbo l’anno scorso: ciò nell’ambito del progetto in AGID: ”Progetto per i progetti”.
 
Onlus Sostegno e Solidarietà Alfredo Ramponi
Abbiamo ricevuto da CESTUDIS la presente comunicazione che volentieri rilanciamo a tutti coloro che ci seguono.
Ai tanti amici
Dopo un breve periodo di pausa siamo pronti a riprendere le attività della Onlus Sostegno e Solidarietà, nel ricordo di chi ha fondato l’Associazione dedicando gli ultimi anni della propria vita al sostegno umanitario: il caro Generale Luigi Ramponi.
Terminata la carriera parlamentare, Luigi Ramponi si è dedicato al sostegno e all’aiuto di chi viveva nel bisogno, mettendo a disposizione le proprie risorse, umane ed economiche, e facendo sì che l’impegno di carattere assistenziale assumesse una valenza prioritaria nel prosieguo della esistenza.
L’asilo di Mafinga, costruito con la moglie Signora Eugenia in Tanzania fu il principio, la scuola di Karatu il seguito, unitamente allo sviluppo di tante altre iniziative di sostegno umanitario che si sono aggiunte nel corso degli anni, sono divenute il cuore della ONLUS a cui il Generale Ramponi teneva moltissimo.
La sua soddisfazione era vedere la felicità negli occhi delle persone che ricevevano anche un piccolo aiuto, un piccolo dono…..
E’ nostra intenzione continuare questa attività sostenendo le iniziative già in atto, che di seguito elencheremo, con lo scopo di dare aiuto a chi vive in condizioni difficili.
Le diverse attività di sostegno umanitario intraprese dal Generale Ramponi con il generoso aiuto di diversi amici, sono:
- Asilo e scuola elementare di Mafinga (Tanzania), che fornisce istruzione e cibo per 170 bambini
- Asilo e convento di Karatu. Si tratta di un asilo statale al quale assicuriamo il sostegno economico per l’alimentazione dei bambini.
- Sostegno a Padre Protasio per la costruzione e la successiva condotta di un istituto scolastico a Massaua ( Eritrea).
- Progetto Microcredito, per fornire un contributo allo sviluppo agricolo ed economico della società nei Paesi del Congo. Da un investimento di ridotte proporzioni finalizzato a sviluppare autonome attività economiche in loco, oggi si può affermare con orgoglio che, seppur con risorse limitate si sono avviati
microprogetti che hanno coinvolto più di 72 famiglie le quali hanno intrapreso attività di coltivazione del riso, di allevamento di animali da fattoria, produzione di laterizi per costruzione, di piccolo commercio. Recentemente, inoltre nella stessa area congolese di Ango- Dakwa è stato creato un posto di pronto soccorso, gestito da un laureato in medicina assieme a quattro infermieri già esistenti in loco; negli ultimi mesi si è dato avvio anche alla costituzione di una piccola farmacia il cui completamento iniziale è avvenuto pochi giorni fa.
Queste sono solo alcune delle progettualità portate avanti dalla Onlus del Generale Ramponi, che il Figlio Alfredo con l’aiuto della propria famiglia e di tanti volenterosi amici, ha intenzione di incentivare ulteriormente attraverso la prosecuzione dei meravigliosi progetti in atto.
Tutto questo sara’ possibile anche grazie al vostro aiuto con l’obiettivo di incrementare le varie attività e realizzare, altresì, una più vasta rete di amici che sostengano e coadiuvino la Onlus con un contributo di natura economica. Ogni euro di sostegno sarà un euro direttamente impiegato per i bambini e per le persone in difficoltà.
Informiamo, inoltre che stiamo preparando il sito della Onlus, realizzato a costo zero da persone di buona volontà.
Tutte le iniziative benefiche sono raccolte nella Onlus “ASSOCIAZIONE SOSTEGNO E SOLIDARIETÀ”, il cui IBAN è:
IT 60 R 03126 03200 0000 00 521645.
Ricordiamo inoltre che i diritti d’autore sulle vendite del Libro “Val la pena di vivere” di Luigi Ramponi, saranno devolute all’Associazione Sostegno e Solidarietà.
Per le libere offerte di denaro fare riferimento all’iban sopra indicato, per il materiale in dono, e iniziative di vario genere telefonare al n. 338.3232112.
Confidiamo nel vostro aiuto!
Onlus Sostegno e Solidarietà Alfredo Ramponi
 
Articoli.
Segnaliamo:
Sicurezza, quali scenari saremo chiamati ad affrontare?
Il congresso organizzato da ANSSAIF lo scorso 16 dicembre è stata un'evento ricco di interventi specialistici e importanti spunti di riflessione sopratutto nel contesto di sicurezza.
 
 
Giovani e rischi del digitale, di chi è la colpa?
Una intera generazione di giovani è cresciuta su basi errate, con famiglie e docenti non all’altezza dei nuovi rischi, delle nuove sfide, e di una trasformazione digitale che richiede innanzitutto un cambiamento nell’approccio allo studio ed al lavoro.
 
 
Parigi, cosa è rimasto tre anni dopo Charlie Hebdo
A due anni da quel giorno, abbandoniamo un attimo i cyber crime, gli smartphone, le app, e chi gira attorno a questo mercato, e pensiamo a quella data.

VIA MONTEROSI 52, 00191, ROME, Italy
Puoi cancellare la tua iscrizione o modificare i tuoi contatti in qualsiasi momento.

Powered by:
GetResponse